Recensione: Focusrite ISA Two Preamp

Hot on the heels of the hugely popular ISA One, Focusrite has now released the two-channel ISA Two. I used it for a week in my studio and was not surprised at all that I loved the results.  

Preamp Pedigree

Pic 1

L'ISA One era già, a mio parere, ottenere boxed-preamplificatore-to-the. Per tutti i miei amici che erano agli inizi a costruire le loro home studio, ho spesso consigliato Se solo si ottiene un preamplificatore, ottiene un ISA One. Funziona su tutto. I pres ISA sono conosciuti per essere suono molto pulito, e si può spingere abbastanza duro senza preoccuparsi indurre rumore. La mia unica lamentela era che se si voleva registrare una sorgente stereo, si doveva ottenere 2 scatole, (occupare spazio prezioso sulla scrivania in quanto l'ISA One non era una unità rack,) o si doveva spendere e prendere un molto più grande 4 -canale o unità a 8 canali. L'ISA Two si adatta molto bene in Focusrites preamplificatore lineup.

Guadagno di precisione

Una delle caratteristiche del ISA due che Im un grande fan è il notevole controllo che l'utente ha più il guadagno. La messa in scena è fatto in un modo davvero interessante. C'è una fase di impedenza di ingresso variabile selezionabile prima. Ciò consente di far corrispondere da vicino l'impedenza generale a praticamente qualsiasi microfono si può buttare a questo. Questo può essere un problema reale con alcune combinazioni di microfono e preamplificatore. Chiunque utilizzi un RE20 può simpatizzare con me circa l'enorme quantità di guadagno si devono gettare in alcuni microfoni classici per ottenere un segnale saturo.

Pic 2

Dopo aver scelto l'impedenza che corrisponde meglio il microfono, si arriva quindi ad attivare un interruttore che si pone da qualche parte entro i 2 gamme di guadagno (o da 0 a 30 dB o 30 a 60 dB). Aggiungere che il fatto che il trasformatore si inizia con 20 dB ed avete ottenuto un enorme 80 dB di guadagno con cui lavorare. Quello è sufficiente per ottenere un buon segnale di praticamente qualsiasi microfono si può buttare a questo! (Dont letteralmente gettare microfoni a questa cosa, microfoni sono costosi.)

Devi quindi, il guadagno dedicato separato e tagliare le manopole. I lavori di controllo del guadagno nei valori gradini di 10 dB, e il vostro controllo assetto consente di aggiungere un altro 20 dB a seconda della forza di spingerlo. Questo sistema di guadagno mi esalta in quanto consente davvero di ottenere abbastanza preciso con esattamente quanto guadagno che si desidera utilizzare per registrare una sorgente. Quando si registra qualcosa con sfumature sottili come un pianoforte a coda o una chitarra acustica può essere una caratteristica che consente di comporre in vostro suono ad un punto estremamente accurata.

Mentre erano in tema di precisione, Im anche un grande fan dei misuratori di livello calibrati. Ho subito calibrato metri ingresso ISA Twos che corrisponda al livello esatto che i miei DAW metri mostravano. Non ero preparato per quanta fiducia e che mi avrebbe fatto sentire durante la registrazione dopo la calibrazione senza stress. Mi fa auguro ogni pezzo di attrezzi che avevo nel mio studio offerto questa opzione. I miei segnali corrispondono perfettamente ora, e con la sensazione di precisione che ricevo da utilizzando gli stadi di guadagno discreti del ISA Two, mi sento molto fiducioso di poter comporre il mio suono rapidamente.

Conclusione

Ero un grande fan della ISA One, quindi non ero affatto sorpreso di scoprire che io sono il doppio del fan della ISA Two. I preamplificatori grande suono, lo stadio di guadagno è estremamente pulita, e le metri tarati ti mettono a tuo agio che youll essere saturando il segnale senza clipping.

Prezzo: 799 $

Pro: metri calibrato, stadio di guadagno di precisione, impedenza variabile per microfono corrispondente, unico spazio rack, il pulsante di accensione sul frontale dell'unità (grazie, Focusrite!)

Contro: mi sarebbe piaciuto un / PDIF S su questo, o almeno la possibilità di aggiungere uno tramite una scheda di espansione

Web:

Matt Vanacoro is one of New York’s premier musicans. Matt has collaborated as a keyboardist in studio and on stage with artists such as Jordan Rudess (Dream Theater), Mark Wood (Trans-Siberian Orchestra), Mark Rivera (Billy Joel Band), Aaron Carter, Amy Regan, Jay Azzolina, Marcus Ratzenboeck (Tantric), KeKe Palmer, C-Note, Jordan Kn... Read More

Discussion

Want to join the discussion?

Create an account or login to get started!